Giovanna Tacconi confermata nella carica di presidente

Un animato dibattito sul futuro dell'agricoltura umbertidese ha caratterizzato i lavori della VII Assemblea intercomunale della Cia che si è tenuta nei giorni scorsi presso la sede dei Molini Popolari Riuniti della cittadina alto tiberina. Alla presenza del presidente e del direttore generale della Cia dell'Umbria, Domenico Brugnoni e Catia Mariani, la presidente della Cia territoriale, Giovanna Tacconi, ha delineato, nella sua puntuale relazione, un quadro molto dettagliato della realtà agricola locale che risente, in maniera pesante, delle gravi difficoltà del settore. La Tacconi si è soffermata, in particolare, sulla insopportabilità degli adempimenti burocratici che, invece di agevolare gli imprenditori agricoli, spesso rappresentano ostacoli insuperabili soprattutto per gli agricoltori più giovani. Ma la presidente della Cia di Umbertide ha messo in evidenza anche le grandi potenzialità dell'agricoltura e della zootecnia che, nel contesto territoriale alto tiberino, possono rappresentare un momento di crescita imprenditoriale puntando sulla qualità (dop, igp, biologico) e su accordi interprofessionali di filiera come è accaduto con l'intesa sul tabacco dei giorni scorsi e come è auspicabile accada anche per l'ortofrutta. Nel corso dell'ampia discussione, seguita alla relazione della Tacconi, sono intervenuti diversi imprenditori agricoli che hanno sottolineato aspetti importanti della loro attività: dalla necessità di sostenere con opportune risorse i progetti presentati sul Psr 2007-2013, approvati ma non finanziati per carenza di fondi, alla questione irrisolta degli indennizzi certi e rapidi per i danni alle colture ed agli allevamenti provocati da selvatici, soprattutto cinghiali e lupi. Concludendo l'Assemblea il presidente della Cia dell'Umbria, Domenico Brugnoni, nel valutare positivamente il lavoro svolto dalla Cia di Umbertide, ha sottolineato l'esigenza ormai non più rinviabile di alleggerire il peso di una burocrazia sorda ed opprimente ancor più dannosa in un momento di grave crisi come quello che stiamo attraversando. Il presidente regionale della Cia ha chiesto, quindi, che il prossimo Psr 2014-2020 si caratterizzi per la concretezza e per la rispondenza alle esigenze reali del tessuto produttivo agricolo e sostenga finanziariamente le azioni contenute nei vari momenti della programmazione regionale di settore, a cominciare dal Piano zootecnico e dal Progetto vino. Infine l'Assemblea ha confermato, all'unanimità, nella carica di presidente l'imprenditrice agricola Giovanna Tacconi ed ha eletto vicepresidente Gianni Berna. Tacconi e Berna parteciperanno all'Assemblea elettiva regionale, in programma a Perugia il 12 febbraio, insieme ai seguenti delegati: Franco Marconi, Giuseppina Gioglio, Antonella Colcelli, Paola Citti, Elisa Migliorati, Alessandro Biagini, Stefano Fornaci e Sauro Corliani.

Perugia, 6 febbraio 2014

Letizia Tiezzi confermata presidente della Cia del Trasimeno

Una grande partecipazione di agricoltori ha caratterizzato l’Assemblea intercomunale della Cia del Trasimeno, tenutasi nei giorni scorsi a Castiglione del Lago alla presenza del presidente e del direttore generale della Cia dell’Umbria, Domenico Brugnoni e Catia Mariani. Introducendo i lavori Brugnoni ha evidenziato le tematiche di più stretta attualità riguardanti l’agricoltura, a partire dalla nuova programmazione dei fondi strutturali per il periodo 2014-2020 e dalla necessità di puntare con maggiore decisione sulla qualità delle produzioni e sullo snellimento delle procedure burocratiche. Nella sua relazione introduttiva la presidente della Cia del Trasimeno, Letizia Tiezzi, ha rafforzato il concetto di obbligo della semplificazione in agricoltura affermando che  la ”burocrazia”, spesso inutile, soffoca di scartoffie le  aziende. Quindi – ha proseguito la Tiezzi - tutti assieme, con forza e lungimiranza,  ognuno per il suo ruolo e le sue competenze, con il coraggio delle scelte dobbiamo costruire LE MIGLIORI POLITICHE per l’agricoltura assicurando agli agricoltori quella  dignità  già riconosciuta agli altri soggetti sociali. La Cia del Trasimeno – ha continuato la Tiezzi – si impegnerà con determinazione per fornire una risposta concreta all’esigenza prioritaria di aumentare il reddito degli imprenditori agricoli. L’agricoltura è ricchezza e benessere per l’intera società, è vita che va difesa e valorizzata.” La Tiezzi ha messo quindi l’accento sulle grandi potenzialità di sviluppo dell’agricoltura lacustre che può vantare eccellenze enogastronomiche di primo livello come vino, olio, carni bovine e suine, fagiolina ed ortofrutta ed aziende multifunzionali pronte ad accogliere visitatori fornendo servizi e prodotti di alta qualità. “Quello che manca - ha precisato la presidente Tiezzi – è un progetto organico di valorizzazione e di promozione del territorio e dei suoi prodotti che nasca dalla collaborazione tra Regione, amministrazioni comunali ed organizzazioni di categoria, in primo luogo quelle agricole. A Letizia Tiezzi hanno fatto eco il sindaco di Castiglione del Lago, Sergio Batino, ed il vicesindaco e assessore allo sviluppo economico, Romeo Pippi. Il sindaco intervenendo nel corso del dibattito, ha ricordato le azioni messe in campo dall’amministrazione del capoluogo lacustre per favorire gli investimenti innovativi in agricoltura, in particolare quelli per la produzione di energia da fonti rinnovabili e per la promozione dei prodotti tipici. Ne è seguita un’articolata discussione alla quale hanno preso parte numerosi agricoltori. La sintesi conclusiva è stata affidata al direttore generale della Cia dell’Umbria, Catia Mariani. “La nostra agricoltura – ha detto – ha dimostrato in questi anni, nonostante le grandi difficoltà dovute anche agli effetti della crisi, di essere viva e reattiva; anche in Umbria, infatti, abbiamo assistito ad una innovazione e razionalizzazione nei maggiori comparti e ad un significativo, anche se ancora insufficiente, ricambio generazionale con il primo insediamento in azienda di tanti giovani imprenditori agricoli. Tuttavia – ha proseguito il direttore generale della Cia dell’Umbria – occorre ora lavorare con grande determinazione in direzione di alcuni obiettivi prioritari: snellimento delle procedure burocratiche, un Psr 2014-2020 in linea con i fabbisogni reali del settore primario e che contenga scelte coerenti con la programmazione dei singoli comparti (Piano zootecnico, Progetto Vino), ma anche un impegno straordinario per rivitalizzare l'olivicoltura e l'ortofrutta, azioni  strategiche queste da mettere in campo insieme ad interventi di prevenzione dai rischi da calamità naturali e danni da fauna selvatica, piaghe da sempre delle produzioni di eccellenza del territorio. A tal proposito la Cia regionale, in collaborazione con la Cia Toscana, ha lanciato una specifica petizione per chiedere alle Istituzioni competenti interventi risolutivi di contenimento delle specie dannose (cinghiali e lupi), che culminerà in occasione della VII Assemblea elettiva regionale della Cia dell’Umbria in programma a Perugia il prossimo 12 febbraio.In conclusione dei lavori l’Assemblea intercomunale della Cia del Trasimeno ha confermato presidente, con votazione unanime, l’imprenditrice agricola Letizia Tiezzi che sarà delegata all’Assemblea elettiva regionale insieme a Valter Barluzzi, Enio Burani, Cinzia Crocilli, Livio Faralli, Libero Frullano, Cristian Gatto, Anna Gattobigio, Stefano Natali, Claudio Pignattini e Paolo Topini.

Castiglione del Lago, 30 gennaio 2014   

Luca Zoi confermato presidente

Grande partecipazione di agricoltori ed amministratori alla VII Assemblea intercomunale della Cia dell'Alta Valle del Tevere, tenutasi a Città di Castello nei giorni scorsi. Nella sua relazione introduttiva il presidente Luca Zoi, partendo dall'illustrazione del documento programmatico nazionale "Più Agricoltura per Nutrire il Mondo-Più Reddito per gli Agricoltori" ha tracciato un quadro molto nitido della situazione del settore primario nell'Alta Valle del Tevere, delineando luci e ombre di un'attività comunque centrale nell'economia del territorio. Zoi ha affrontato le questioni riguardanti le diverse filiere soffermandosi in particolare su tabacco e ortofrutta. Ha espresso soddisfazione per la conferma dell'intesa di produttori e trasformatori con Japan Tobacco International, che consente ai tabacchicoltori di avere certezza di collocamento del loro prodotto per i prossimi due anni; ma non ha mancato di esprimere forti perplessità sulle scelte compiute per il comparto dall'Unione europea, auspicando che possano essere opportunamente modificate. Il presidente della Cia dell'Alto Tevere ha reclamato, poi, una maggiore attenzione per il comparto ortofrutticolo che può rappresentare una buona opportunità per tanti agricoltori anche in vista della prossima attivazione della Piastra logistica intermodale che consentirà di razionalizzare e velocizzare gli scambi commerciali. Zoi, infine, si è soffermato sulle difficoltà dell'agricoltura collinare altotiberina, costretta a fare i conti con prezzi bassi di cereali e carne bovina, attacchi di selvatici e forti carenze nell'accesso ad internet oggi quanto mai necessario anche per l'obbligo di tenuta della posta elettronica certificata. Alla relazione è seguito un articolato dibattito nel corso del quale sono intervenuti, tra gli altri: il sindaco di Città di Castello, Luciano Bacchetta che ha ribadito la centralità dell'agricoltura nell'economia dell'Alta Valle del Tevere; l'assessore comunale all'Economia, Enrico Carloni, che ha messo in evidenza l'attenzione dell'amministrazione tifernate per il settore primario, riscontrabile anche nella stesura del nuovo Piano regolatore generale attualmente in discussione; il direttore generale della Cia dell'Umbria, Catia Mariani, che ha ricordato l'importanza del tabacco e dell'accordo siglato con la Jti per l'intera economia regionale, ma ha anche sottolineato la necessità di valorizzare comparti come quello zootecnico, cerealicolo, dell'ortofrutta e sostenere la multifunzionalità. Le conclusioni sono state affidate al presidente regionale della Cia, Domenico Brugnoni. Dopo aver espresso soddisfazione per la positiva azione svolta dalla Cia in Alto Tevere, riportata nel dettaglio dal responsabile Sauro Rossi nel suo intervento all'Assemblea, Brugnoni ha indicato le linee di azione da seguire nei prossimi anni per rendere sempre più efficace l'opera della Cia in un territorio così importante per l'agricoltura. "Un obiettivo concreto da raggiungere – ha detto – è quello del consolidamento del distretto agroindustriale del tabacco allargandone l'area di influenza anche ad altri comparti come ortofrutta e agroenergie. Dobbiamo lavorare con le altre Organizzazioni – ha concluso il presidente della Cia dell'Umbria – per far sì che le misure del nuovo Psr siano pienamente rispondenti alle esigenze di un'agricoltura molto diversificata e di una zootecnia di qualità come quelle dell'Alta Valle del Tevere."
In chiusura dei lavori l'Assemblea ha proceduto all'elezione del presidente; all'unanimità è stato confermato nella carica il giovane imprenditore agricolo Luca Zoi che parteciperà all'Assemblea elettiva regionale della Cia, in programma a Perugia per il prossimo 12 febbraio, con i seguenti nove delegati eletti dall'Assemblea: Matteo Bartolini, Stefania Capacci, Fernando Pierini, Mauro Braganti, Paolo Balducci, Stefano Petturiti, Sauro Rossi, Catia Gasperini e Angela Boriosi.

Perugia, 30 gennaio 2014

Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e per fornire funzionalità aggiuntive. Si tratta di dati del tutto anonimi, utili a scopo tecnico o statistico, e nessuno di questi dati verrà utilizzato per identificarti o per contattarti. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di terze parti. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Questo sito potrebbe fare uso di cookies di profilazione. Maggiori dettagli sono presenti sulla privacy policy. Cliccando il bottone Ho capito, confermi il tuo consenso a questo sito di salvare alcuni piccoli blocchi di dati sul tuo computer. Per saperne di più su cookies e localStorage, visita il sito Garante per la protezione dei dati personali
Maggiori informazioni Ho capito